webdesign_10_tecniche_da_evitare

Internet è migliorato molto dagli anni novanta, sono aumentate le quantità di siti, di informazioni accessibili ed è  cambiato il modo con cui gli utenti si affacciano al web ed accedono alle notizie.
Pensate solo a Facebook, è con noi da dieci anni eppure oggi 1.4 milioni di persone lo usano regolarmente.
E’ cambiato internet ed è cambiato il modo di utilizzare internet, e con esso anche alcuni accorgimenti e tendenze nel web design sono cambiate. Gli stili e le tendenze del web design si sono evoluti con il tempo e, come in ogni altro evento, alcuni (webdesigner) sono rimasti più indietro di altri.
Alcune delle seguenti tecniche sono ancora oggi utilizzate nella costruzione di siti, ancora richieste dai clienti e (cosa peggiore) ancora offerte dai webdesigner.

1 – Flas intro

10_tendenze_da_evitare_Flash-Intro

Adobe Flash, precedentemente noto come Macromedia Flash e Flash Shockwave, è una piattaforma di sviluppo utilizzata per creare animazioni e giochi basati sul web. Qualche anno fa, molti siti aziendali e personali utilizzavano piccoli filmati animati come intro al sito, alcuni si sono spinti fino a realizzare l’intero sito in flash. Gli utenti hanno da tempo ignorato ed evitato i siti realizzati in flash, a causa dei lunghi tempi di caricamento e ai requisiti di sistema richiesti.
Inoltre, e non da meno, il contenuto in Flash non è compatibile con i dispositivi mobile e non possono essere indicizzati dai motori di ricerca.

2 – Skeuomorphism

10_tendenze_da_evitare-Skeuomorphism

E’ un termine poco noto e utilizzato, ma si riferisce alla pratica di realizzare pagine web utilizzando grafiche e ornamenti basate su elementi reali. Ad esempio un blog progettato per sembrare un blocco note o un diario. Anche se utilizzare grafica che richiama il tema trattato dal sito è una buona pratica, se utilizzato in rispetto alle proporzioni di dimensioni e peso, avere un intero sito web progettato con questa tecnica, aumenta i tempi di caricamento e risulta visivamente obsoleto, in quanto le tendenze del moderno web design richiede grafiche flat, minimaliste e più orientate allo user-friendly.

3 – Contatori visite

10_tendenze_da_evitare-Contatori-Visite

Avere un contatore dei visitatori e delle visite effettuate, fino a qualche anno fa era un MUST per i siti web. Oggi non serve assolutamente a nulla oltre a sembrare obsoleto e dare un senso di ‘vecchio’ all’intero sito. Su un sito commerciale risulta poco professionale. Ci sono strumenti molto più complessi e completi per analizzare non solo le visite effettuate al sito, ma anche il numero di link e back-link, pagine più visitate, provenienza delle visite e molto altro ancora. Molto meglio quindi utilizzare strumenti, oggigiorno indispensabili, come google analytics, semrush, kissmetrics e tanti altri.

4 – Popups

I popups sono stati per molto tempo la rovina di internet. Avvolte sorprende quanti siti ancora oggi li usano. I popups possono contenere annunci pubblicitari, richieste di sottoscrizione a newsletter o gateway che i visitatori devono passare per visualizzare contenuti particolari. Ancora peggio erano i siti che aprivano pagine o siti con popups senza alcuna richiesta da parte del visitatore.
Per avere successo, un sito web moderno deve offrire un’esperienza di navigazione facile da usare e ininterrotta.

5 – Immagini Stock

10_tendenze_da_evitare-Stock-Images

L’utilizzo delle immagini è fondamentale per fornire al visitatore un’esperienza di navigazione piacevole e gradevole. Ma l’utilizzo eccessivo di immagini ‘dozzinali’ prelevate dal web in base ad argomenti comuni, fa in modo che i visitatori cominciano a riconoscere queste immagini marchiando i siti che li utilizzano come poco originali, quindi, poco interessanti.
Le immagini più comunemente utilizzate e di cui si dovrebbe fare a meno, sono quelle che mostrano clienti stereotipati, gruppi o team di lavoro eccessivamente felici ecc. Ugualmente si possono evitare cliché come nuvole, lampade, prati fioriti e altre figure astratte.
Molto meglio utilizzare immagini che riprendono realmente la vita dell’azienda o delle persone che la rappresentano, ovviamente graficamente trattate per renderle in linea con la grafica del sito.

6 – Musica in auto-play

Personalmente ritengo il sottofondo musicale di un sito una cosa davvero ‘vecchia‘. Sebbene sia una pratica oramai archiviata da ogni webmaster, ancora qualche sito la utilizza pensando di rendere la navigazione piacevole.
La musica che parte in automatico all’apertura di un sito, è uno dei motivi per cui un visitatore marchia quel sito come ‘obsoleto’, quindi poco interessante, quindi lo abbandona nei primi secondi di visita.
Diverso invece è l’utilizzo di contenuti multimediali all’interno di siti che rendono piacevole e coinvolgente la visita, come video dimostrativi o header animati con video che riprendono momenti di vita aziendale o della produzione degli oggetti di cui il sito si occupa.

7 –  Design non reattivo

I siti web che utilizzano grafica non reattiva, non viene visualizzato correttamente sugli schermi più piccoli dei dispositivi mobili, e le statistiche mostrano che la maggior parte degli utenti lascerà il sito web e non tornerà a visitarlo se questo non è mobile-friendly.
Dato che l’uso di internet in mobilità è costantemente in aumento, rispetto alla navigazione da desktop, non dovrebbe essere difficile comprendere l’importanza di avere un sito web che offre un’esperienza ottimale su tutte le piattaforme. Uno dei metodi più utilizzato (e facile da usare) è quello di basare la creazione del sito su sistemi di gestione dei contenuti (CMS) con tema reattivo.

8 – Istruzioni ‘visione ottimale’

Per le stesse motivazioni del punto precedente, un sito web dovrebbe essere compatibile con tutti i browser e visibile da ogni dispositivo mobile.
Negli anni passati, questa tecnica non era utilizzata, per conoscenze o per la complessità di programmazione del sito. Molto più facile era inserire un link a fine pagina che riportava la risoluzione o il browser consigliato per una corretta navigazione.
La compatibilità del sito web con i vari browser, sia per la grafica che per i fogli di stile utilizzati, è oggi un punto fondamentale per ogni web designer che si rispetti.

9 – Pagina 404 generica

10_tendenze_da_evitare-Pagina-404

Tutti odiano i messaggi di errore durante la navigazione, ma avvolte capitano anche se non per colpa del sito o del web designer. La famosa pagina 404 viene visualizzata quanto un collegamento riporta a una pagina web che non viene trovata o non può essere visualizzata. E’ ovviamente molto importante fare attenzione ai link inseriti nel proprio sito, e verificare che essi riportano a pagine raggiungibili senza errori, tuttavia è molto utile progettare una pagina 404 personalizzata che indica le motivazioni dell’errore e magari includa una casella di ricerca o collegamenti suggeriti, per rendere meno frustrante l’esperienza di navigazione dell’utente.

10 – Siti web statici

Fino a qualche anno fa, i siti web erano statici e creati da zero in HTML. Oggi i sistemi di gestione dei contenuti (CMS) come WordPress, Joomla, Drupal ecc. sono diventati estremamente popolari grazie alla loro versatilità, alla grafica reattiva, alla facilità di realizzazione rispetto al vecchio sistema.
L’utilizzo di un CMS rende più facile l’aggiornamento e la manutenzione dei contenuti di un sito. Aggiornare delle pagine, creare degli articoli di un blog, aggiungere immagini o modificare una formattazione, è semplice come usare un qualsiasi programma di videoscrittura, utilizzabile anche da chi non ha nozioni di programmazione.
Questo rende l’esperienza di lettura del visitatore più piacevole, facendo in modo che ogni volta che approda sul sito trovi informazioni nuove o aggiornate. Inoltre i motori di ricerca (Google in primis) premiano quei siti i cui contenuti sono costantemente aggiornati e ‘rinfrescati’.

Se il tuo sito ancora contiene uno di questi errori, forse è il caso di pensare ad un ‘rinnovo’ della grafica, dei contenuti o della piattaforma usata.

Se hai dubbi o vuoi approfondire l’argomento
Contattaci !